La mia prima Paella!

ebbene si, ci son voluti ben 33 anni ma poi è giunto finalmente il momento di imbattersi nella Paella… unico cruccio, i piselli gelo… avrei aspettato fino a primavera pur di utilizzarli freschi ma la donna avrebbe potuto commettere un abbadaticidio visto che erano almeno 6 mesi che me la chiedeva a gran voce!! anyway, gran piatto la Paella: ricco, completo, gustoso e facile;)

qui di seguito la mia Paella, realizzata a casa di Alessia per una cena tra amici.

PAELLA (x 10 persone)

1kg riso Vialone Nano

2L scarsi di brodo di pollo

4 bustine di zafferano

1 scalogno pelato e chiodato con 5-6 chiodi di garofano

2 foglie d’alloro

10 calamari freschi pelati, privati dei becchi, delle sacche nere e dell’osso centrale; teste separate dai corpi

10 gamberoni interi pelati e privati del nero dorsale

10 scampetti aperti a metà per il lungo e privati del nero dorsale

1kg di cozze e 1kg di vongole, risciacquate abbondantemente

5-6 alette di pollo (usarle per il brodo e poi, una volta cotte, pulirle e ricavarne la polpa)

500g lucanica ai semi di finocchietto, tagliata a pezzettoni

500g lucanica piccante, tagliata a pezzettoni

1 peperone rosso, 1 giallo e 1 verde, pelati e tagliati a pezzettoni

3-4 peperoncini rossi freschi, privati dei semi e tagliati a pezzetti

500g piselli freschi sgusciati oppure, gelo

1 grossa cipolla rossa pelata e affettata

5-6 pomodori pelati (sbollentati), privati dei semi e schiacciati

1 costa di sedano pelata e affettata

3-4 spicchi d’aglio in camicia

1 mazzetto di prezzemolo sfogliato e tritato

1 bicchiere di vino bianco

olio extravergine

PROCEDIMENTO:

rosolare a fuoco vivo le lucaniche con poco olio fino a cottura poi, scolare il grasso (recuperarlo) e tenere da parte la carne;

nella stessa pentola (se si ha avuta l’accortezza di non bruciarla), con il grasso delle lucaniche, rosolare le verdure (aglio, cipolla, peperoni, peperoncini, alloro, pomodori, sedano…) e fare fondamentalmente una peperonata, verso la fine riunire le lucaniche, i piselli e terminare la cottura; lasciare la peperonata abbastanza blanda.

in poco olio, rosolare a fuoco vivo i calamari  (non fargli fare acqua durante la cottura) e metterli poi da parte;

sempre in poco olio, rosolare a fuoco vivo i crostacei (non fargli fare acqua durante la cottura) e metterli poi da parte;

in una padella versare le conchiglie, unire il vino, poco olio, un po’ di aromi, coprire e far aprire a fuoco vivo, togliere dal fuco e recuperare l’acqua di cottura;

in una pentola a triplo fondo d’acciaio, scaldare bene il riso con lo scalogno, coprire poi con il brodo bollente, unire lo zafferano, coprire e far asciugare completamente a fuoco lento poi, togliere dal fuoco e lasciar riposare una ventina di minuti;

sgranare poi il riso e farlo saltare in una grande e larga padella per la paella, unire allora la peperonata arricchita e tutte le altre guarnizioni (crostacei, calamari, pollo, conchiglie), condire con prezzemolo tritato e unire (se necessario) l’acqua di cottura rilasciata dalle conchiglie; servire immediatamente, se piace spruzzando sopra qualche goccia di limone

One Response to “La mia prima Paella!”

  1. L'alì says:

    …gustosissimaaaa!!! gnam gnam!! <3


Leave a Reply

Copyright © 2017 Roberto Abbadati. credits